Patrimoniale, in Argentina è legge: patrimoni saranno tassati per il coronavirus

·2 minuto per la lettura
argentina tassa milionari covid
argentina tassa milionari covid

In Argentina il governo di Buenos Aires ha approvato una legge che tassa i i grandi patrimoni milionari per rientrare con le spese elargite causa covid. Il presidente Alberto Fernandez è pronto a riscuotere circa tre miliardi di euro. Il 20% sarà destinato all’acquisto di attrezzature mediche e un 20% per il rilancio delle piccole e medie imprese.

Covid, tassa in Argentina sui milionari

Per rientrare con le ingenti spese per il covid, l’Argentina ha deciso di approvare una legge che tassa i patrimoni milionari (quella che in Italia è chiamata patrimoniale).

Il testo approvato già lo scorso 18 novembre 2020 dalla Camera dei Deputati aveva ottenuto 133 voti a favore, 115 contrari e due soli astenuti. Il presidente Alberto Fernandez dovrebbe riscuotere circa 3 miliardi con un prelevamento dai circa 12mila milionari del paese.

La nuova norma prevede un prelievo di minimo 2% sui patrimoni dichiarati tra i 200-300 milioni di pesos (2-3 milioni di euro). Aumenterà fino al 3,5% in caso di patrimoni tra 1,5-3 miliardi di pesos (15-30 milioni di euro). Per chi dichiarerà beni all’estero, è prevista un’aliquota del 50%, sempre che non decidano di rimpatriare il 30% dei loro beni.

Rilancio economico

Questa nuova legge prevede dei vincoli per il governo. Il 20%, infatti, dovrà essere destinato per l’acquisto di attrezzature mediche e ospedaliere. Un altro 20% per il rilancio delle piccole medie imprese. La fetta più grande (25%) finanzierà i progetti di esplorazione e sviluppo del gas sul territorio. Un 15% interesserà lo sviluppo dei quartieri popolari, mentre il restante 20% stanzierà borse di studio.

Ricordiamo infatti che l’Argentina ha registrato quasi 40mila morti dall’inizio della pandemia e circa 1,5 milioni di contagi. Ad ottobre, il paese sudamericano è diventato il quinto al mondo ad aver dichiarato un milione di casi confermati.