Patroni Griffi: garantire la giustizia nell'amministrazione

Rus

Roma, 18 nov. (askanews) - ""Garantire la giustizia nell'amministrazione" significa una cosa fondamentale: la persona -individuo, ente o impresa- che veda leso un proprio interesse da un comportamento (scorretto) della P.A che incida sui suoi diritti può rivolgersi a un giudice terzo e imparziale per ottenere una pronuncia che annulli il provvedimento illegittimo e ordini all'amministrazione di comportarsi rispettando la legge. E lo stesso vale se l'amministrazione gli neghi un provvedimento favorevole cui l'interessato ha diritto". A spiegarlo è stato il presidente del Consiglio di Stato, Filippo Patroni Griffi, aprendo i lavori dell'Open day della giustizia amministrativa.

"Si tratta di una fondamentale componente della nostra democrazia - aggiunge - il controllo del giudice sui poteri pubblici a tutela dei cittadini. E' la garanzia del principio di legalità di cui parlano le costituzioni moderne. I casi di ricorso al giudice amministrativo sono numerosissimi, anche per "piccoli abusi quotidiani": da chi si è visto espropriare un terreno per la costruzione di un'opera pubblica, a chi chiede inutilmente di poter prendere visione di atti amministrativi che lo riguardano, dal candidato che intende contestare il risultato delle elezioni amministrative, all'impresa che viene esclusa da una gara di appalto, fino a chi vuole impugnare la bocciatura di un figlio a scuola. Pensate, ancora, ai provvedimenti per vietare l'uso di plastica sui litorali, le cosiddette ordinanze plastic free". (segue)