Patroni Griffi: garantire la giustizia nell'amministrazione -2-

Rus

Roma, 18 nov. (askanews) - Il controllo giudiziario sugli atti dello Stato e delle altre pubbliche amministrazioni, aggiunge il presidente del Consiglio di Stato, Filippo Patroni Griffi, "è uno degli elementi che assicura il primato della legge su chi detiene il potere e quindi il rapporto tra Autorità pubbliche e persone non può essere sottratto alle garanzie della giurisdizione".

Il potere pubblico "oggi si è trasformato. Prima pensavamo al potere come un qualcosa da cui difendersi, da cui difendere la propria sfera di libertà e di diritti individuali. Oggi, sempre più, questo non ci basta: pensiamo alle pubbliche amministrazioni come un qualcosa da cui pretendere. A cui chiedere prestazioni amministrative, permessi, autorizzazioni, contributi, servizi. Pensiamo al potere pubblico in termini più di servizi alla collettività che di funzioni autoritative, che pure ovviamente esistono proprio per assicurare che una comunità funzioni in modo ordinato e attento alle esigenze di tutti. Il compito della giustizia amministrativa, in tutte le sua componenti, è quello di offrire un "servizio fondamentale" (potremmo coniare questa categoria accanto a quella dei diritti e dei doveri fondamentali): garantire la sfera di libertà dal potere e assicurare il godimento concreto dei diritti sociali che possiamo chiedere al potere".