Patto di collaborazione tra le città di Torino e Guangzhou in Cina

Red
·1 minuto per la lettura
Image from askanews web site
Image from askanews web site

Roma, 8 feb. (askanews) - Il Piemonte e la Cina sono più vicini. Questa mattina si è tenuto un incontro virtuale tra la sindaca di Torino, Chiara Appendino, e il sindaco di Guangzhou, Wen Guohui, per la firma di un Protocollo di Collaborazione che sancisce l'amicizia e il profondo legame esistente tra le due comunità. L'intesa ha l'obiettivo di rafforzare il rapporto di collaborazione e cooperazione, di promuovere il dialogo come passo fondamentale per incrementare e promuovere le relazioni economiche, accademiche e culturali tra le due città.

La collaborazione tra il Politecnico di Torino con la South China University of Technology, in particolare, ha dato avvio negli scorsi anni a un Centro di ricerca applicata e collaborativa nei campi dell'ingegneria e dell'architettura (il South China-Torino Lab) e a un corso di Laurea magistrale in Urban Design con docenti italiani e cinesi. Nel 2017 l'Ateneo piemontese e SCUT hanno inoltre vinto un concorso internazionale di progettazione per trasformare una ex fabbrica di pianoforti in un Centro Culturale dedicato alla Musica e al Cinema aperto alle startup e all'innovazione, che diventerà uno dei maggiori centri attrattivi della città cinese e ospiterà al suo interno uno spazio riservato alla promozione della cultura e dell'imprenditoria torinese.

Il profondo legame tra le due comunità si è consolidato in questa fase di pandemia. Nel marzo scorso la città capoluogo della provincia del Guangdong ha infatti donato alla Città di Torino 100mila mascherine e 200 termometri a infrarossi: un gesto di solidarietà concreto all'avvio della fase di emergenza sanitaria nel nostro paese.