Patto dopo l'incontro Agnelli-Allegri e la cena proibita: retroscena sulle reazioni dei bianconeri

Antonio Parrotto
·1 minuto per la lettura

La Juventus ha battuto il Napoli con il punteggio di 2-1. Una boccata d'ossigeno importantissima per Andrea Pirlo che, almeno fino alla prossima non vittoria, ha spazzato via le critiche per il suo operato sulla panchina bianconera.

La Juve ha ritrovato un successo dal sapore di compattezza con il Napoli. Per La Repubblica, è il segno tangibile di come qualcosa sia successo all'interno del gruppo bianconero ma anche all'interno della società bianconera.

Andrea Agnelli e Andrea Pirlo | MARCO BERTORELLO/Getty Images
Andrea Agnelli e Andrea Pirlo | MARCO BERTORELLO/Getty Images

All'origine ci sarebbe la cena proibita tra McKennie, Dybala e Arthur, con la decisione del club di sospendere i tre calciatori per una giornata. La cena e il castigo ha di fatto dato una scossa al gruppo. Così la responsabilità è caduta tutta su Andrea Pirlo, che se n'è fatto carico ben volentieri, in un momento in cui c'era effettivamente bisogno di alzare la voce. Il tecnico però non è rimasto certo entusiasta del caffè tra Max Allegri e Andrea Agnelli. La stessa squadra si sarebbe stupita della leggerezza del presidente, e ha colto il momento difficile dell'allenatore, decidendo di spalleggiarlo. La Juve dunque sembra essere uscita 'irrobustita' da tutto questo trambusto.

Segui 90min su Facebook, Instagram e Telegram per restare aggiornato sulle ultime news dal mondo della Juventus e della Serie A.