Patty Pravo: "Nel lockdown ho scritto un libro e imparato a fare la spesa. Prima non l'avevo mai fatta"

Giuseppe Fantasia
·Journalist
·2 minuto per la lettura
Italian singer Patty Pravo during the episode of Domenica In dedicated to 69th Sanremo Music Festival. Sanremo (Italy), February 10th, 2019 (Photo by Marco Piraccini/Archivio Marco Piraccini/Mondadori Portfolio) (Photo: Mondadori Portfolio via Getty Images)
Italian singer Patty Pravo during the episode of Domenica In dedicated to 69th Sanremo Music Festival. Sanremo (Italy), February 10th, 2019 (Photo by Marco Piraccini/Archivio Marco Piraccini/Mondadori Portfolio) (Photo: Mondadori Portfolio via Getty Images)

Nella sua vita come nella sua carriera non ha mai lasciato dubbi in chi l’ha osannata o criticata, perché con il suo pensiero - non per forza solo e soltanto “stupendo”- è andata sempre a lanciare e a lasciare un messaggio diretto, indipendente, anticonvenzionale e all’avanguardia, quanto mai coraggioso, perfettamente in linea con la sua allure che ha sconvolto e stravolto cuori di uomini, di donne e quant’altro, ma soprattutto un’Italia che negli anni Sessanta – quelli del più clamoroso rinnovamento generazionale del secolo scorso - scalpitava come lei di libertà e anarchia. Bella, bellissima, imprevedibile, ribelle e moderna, Nicoletta Strambelli – per tutti Patty Pravo - è stata la ragazza beat del Piper, ma anche molto altro, l’autrice e l’interprete di canzoni memorabili con cui ha raccontato un’estetica che è divenuta megafono di un’emotività complessa e mai scontata, a volte malinconica, altre scandalosa.

Quando è caduta, si è sempre rialzata, poco importa se era a piedi nudi, con zeppe o tacchi altissimi. Davanti alle difficoltà, le ha affrontate in prima persona e quando questo non è stato possibile, se ne è andata lontano per tornare, tempo dopo, “rigenerata, diversa ma contenta di essere me stessa”, come racconta in “Minaccia Bionda”, il suo prezioso libro fotografico uscito in questi giorni per Rizzoli e già in classifica, a cura di Pino Strabioli e Simone Folco. “Mi è stato detto che ho influenzato il costume e che sono diventata un modello di riferimento per intere generazioni di donne – scrive lei e ce lo conferma anche quando ci parla a telefono dalla sua casa romana. “Se questo è successo davvero, mi fa piacere, ma non ne sono consapevole”. Il primo lockdown le ha ha ovviamente sconvolto il quotidiano, ma la sua forza è ...

Questo articolo è originariamente apparso su L'HuffPost ed è stato aggiornato.