Patuanelli (M5S): “Niente governo se voto su Rousseau sarà negativo”

Stefano Patuanelli voto Rousseau

In un’intervista a Radio Capital, Stefano Patuanelli dice la sua sulla trattativa in corso con i Democratici. In merito al voto sulla piattaforma Rousseau, dichiara che in caso di esito negativo il Presidente Conte dovrà agire di conseguenza.

Patuanelli: “Governo dipende da voto Rousseau”

E’ appena terminata a Palazzo Chigi la riunione dei vertici del Movimento Cinque Stelle. All’incontro hanno presenziato il leader Di Maio, i ministri Bonisoli, Bonafede e Fraccaro, il sottosegretario alla presidenza del Consiglio Vincenzo Spadafora, i sottosegretari Di Stefano, Cioffi e Crimi e altri parlamentari. All’uscita Sibilia ha dichiarato che, per quanto lo riguarda, Di Maio sarebbe anche pronto a rinunciare all’incarico di vicepremier.

Intanto un altro esponente grillino, Stefano Patuanelli, è intervenuto ai microfoni di Radio Capital. In merito all’intesa con i Democratici si dice positivo e certo che si troverà una soluzione. “Le discussioni delle ultime ore non sono state un vezzo né un problema di poltrone, ma il tentativo di conciliare due forze che per lungo si sono contrastate“, ribadisce.

Ritiene poi fondamentale il voto degli iscritti sulla piattaforma Rousseau, previsto per martedì 3 settembre. E’ un mezzo di cui il Movimento si è voluto dotare per prendere decisioni, esattamente come fa una direzione di partito. Pertanto, qualunque sia l’esito, il Presidente del Consiglio incaricato dovrà agire di conseguenza. Se dovesse prevalere il no, la riserva dovrà essere sciolta in modo negativo.

Anche Di Maio ha confermato che la nascita del governo dipende dalla decisione degli iscritti. “Come da nostri principi e valori fondanti“, l’ultima parola spetta sempre a loro.