Patuanelli: spero portare a termine percorso legge Caselli

Red
·1 minuto per la lettura
Image from askanews web site
Image from askanews web site

Roma, 1 apr. (askanews) - Oltre al recepimento della 633 ossia la direttiva sulle pratiche sleali, "è una priorità la legge Caselli di riforma dei reati agroalimentari, in Italia è necessaria una normativa moderna sulle agromafie e spero di essere il ministro che porta a termine questo percorso". Lo ha detto il ministro delle Politiche Agricole, Stefano Patuanelli, intervenendo al summit Coldiretti e Filiera Italia su "L'Italia riparte dal cibo".

Patuanelli ha poi aggiunto che in Italia "serve una cornice regolata che deve prevedere una autorità specifica per l'agroalimentare, stiamo lavorando per questo attraverso gli uffici del Ministero e stiamo studiando il modello spagnolo che funziona", ha annunciato.

Infine, il ministro ha brevemente sintetizzato le priorità del settore: "mettere al centro del dibattito culturale la dieta mediterranea e il valore dei prodotti della nostra terra. C'è poi il tema della competitività, attraverso i contratti di filiera si può spostare un pezzo del valore aggiunto verso i produttori - ha ribadito - Poi c'è la sfida della transizione ecologica, mettendo a disposizione di chi fa impresa in agricoltura gli strumenti economici incentivanti e normativi per fare questo percorso" E infine il tema del "ritorno nei centri rurali abbandonati e marginali, che grazie alla digitalizzazione possono essere terreno fertile per i produttori".