Patuanelli: stop sanatoria migranti? Non compete a Mipaaf

Red
·1 minuto per la lettura
Image from askanews web site
Image from askanews web site

Roma, 10 mar. (askanews) - "Se la domanda è se intendo sospendere la sanatoria, la risposta è no per una serie di motivi, il primo dei quali è che non è competenza del ministero delle Politiche Agricole intervenire su questi temi che sono di competenza del ministero degli Interni e del Lavoro". Lo ha detto il ministro delle Politiche Agricole, Stefano Patuanelli, rispondendo durante il question time a una domanda sulle iniziative volte a sospendere la sanatoria prevista dal cosiddetto "decreto rilancio" per la regolarizzazione dei migranti, alla luce degli scarsi effetti prodotti nel comparto agricolo.

"Credo - ha detto Patuanelli - che sia centrale la questione del caporalato e dello sfruttamento del lavoro nero a prescindere da chi sia sfruttato, se immigrato clandestino, regolare o un italiano. Il tema del caporalato storicamente colpisce il settore agricolo e per superarlo credo che sia più corretto capirne le origini e intervenire perché non accada, non ovviamente con sanatorie".

"Ci vogliono strumenti contrattualistici in grado di garantire la stagionalità - ha detto Patuanelli - e un reddito dignitoso a chi lavora nelle campagne, oltre a garantire una trasmissione del valore aggiunto della filiera agricola che arrivi fino ai produttori e non si fermi prima. Così si consente ai produttori di avere la marginalità sufficiente per garantire ai propri dipendenti contatti dignitosi e un reddito dignitoso. Questo può fare il ministro competente".