Paura per cani e gatti al Parco Nemorense di Roma, avvelenato un Labrador

·2 minuto per la lettura
allarme bocconi avvelenati cani
allarme bocconi avvelenati cani

Nelle chat si rincorrono i messaggi di allerta dopo la morte di Mia, una giovane femmina di Labrador morta molto probabilmente a causa di uno di quei bocconi avvelenati che già nel 2011 erano stati ritrovati nella stessa zona.

Mia morta per bocconi avvelenati per cani?

Mia era in piena salute, bellissima e affettuosa come tutti i nostri amici a quattro zampe sanno essere. Ma il 16 ottobre è stata trovata morta dai suoi amici umani. La sera precedente era stata portata al parco Nemorense per la consueta passeggiata. Come riporta Radio Colonna, al risveglio i proprietari l’hanno trovata con la bava alla bocca e la lingua viola. Inutile la corsa al pronto soccorso. “Abbiamo descritto i sintomi di Mia anche al veterinario di fiducia ed è stato lui ad averci indicato un probabile caso di avvelenamento. Ma non sono stati fatti i controlli e così non ne abbiamo la certezza” aggiunge la donna.

Bocconi avvelenati per cani, casi in tutta la città

Simili casi purtroppo non sono rari. Lo ha spiegato anche Riccardo Manca, vicepresidente di Animalisti Italiani che al Messaggero ha affermato “Sono casi che avvengono a macchia di leopardo un po’ in tutta la città. La maggior concentrazione è però in periferia e dove c’è più degrado urbano”.

Bocconi per cani avvelenati nello stesso parco nel 2011

Il motivo per il quale il caso di Mia ha trovato risonanza mediatica è dovuto al precedente del 2011 quando sempre nell’area cani dello stesso parco erano stati ritrovati dai residenti dei strani bocconi che poi le analisi commissionate da un veterinario di zona avevano rivelato essere contaminati con pericolose sostanze anticoagulanti.

I messaggi di allarme circolano dunque tra i proprietari di cani e gatti della zona, con l’invito a fare attenzione perchè finita quella mediatica, chi si è reso responsabile di un tale gesto criminale, potrebbe ripetere quello che, ricordiamo, è un reato perseguito dalla legge :

” Chi usa le polpette avvelenate è un delinquente che va perseguito” ha sempre affermato al Messaggero il vicepresidente degli Animalisti italiani ” secondo quanto previsto dalla legge i reati di cui deve rispondere sono di maltrattamento e uccisione di animali”.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli