A Pavia accordo Università-Arexpo, nasce Parco per l’innovazione

·2 minuto per la lettura
Image from askanews web site
Image from askanews web site

Milano, 9 lug. (askanews) - Prende il via l'accordo di collaborazione tra l'Università di Pavia e Arexpo per l'avvio del 'Parco Gerolamo Cardano per l'innovazione sostenibile', l'iniziativa promossa dall'ateneo pavese per sostenere la ricerca applicata e la progettualità delle imprese. Il Parco, in zona Cravino, sarà costituito da un 'Centro di ricerca e formazione' dell'Università di Pavia e da una infrastruttura per l'innovazione tecnologica che accoglierà le imprese private interessate a sviluppare progetti di ricerca applicata.

Il progetto si inserisce nell'ambito degli obiettivi di rilancio e ripresa economica di Regione Lombardia. L'impegno con la Regione prevede che il 'Centro di ricerca e formazione' venga realizzato entro il 2023. Il Centro fornirà alle imprese presenti nel Parco un contatto con i 18 dipartimenti dell'Università di Pavia e gli altri centri di ricerca.

Per Arexpo, società proprietaria dei terreni dove si tenne Expo Milano 2015, è il primo intervento fuori dall'area del Milano Innovation District, il progetto di rigenerazione urbana che sta sviluppando sul sito dell'Esposizione universale.

"L'accordo con l'Università di Pavia rappresenta un passo avanti molto importante per Arexpo perché per la prima volta ci impegniamo in un progetto diverso da quello di MIND", ha sottolineato l'amministratore delegato di Arexpo Igor De Biasio. "Arexpo sarà protagonista di questo progetto che unisce una grande università, le istituzioni del territorio e le eccellenze del settore privato al fine di sviluppare un nuovo ecosistema pubblico-privato per l'innovazione", ha detto.

Il rettore dell'Università di Pavia Francesco Svelto ha sottolineato che "la partnership si inserisce nella strategia dell'ateneo per incrementare l'impatto delle missioni istituzionali sulla società. Arexpo fornirà un contributo chiave allo sviluppo dell'iniziativa e in questo progetto è determinante il fattivo appoggio avuto da Regione Lombardia, che ha finanziato il centro di formazione e ricerca", ha concluso.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli