PayPal ha acquisito in Giappone piattaforma credito consumo Paidy

·1 minuto per la lettura
Image from askanews web site
Image from askanews web site

Roma, 8 set. (askanews) - La fintech PayPal ha annunciato di aver raggiunto un accordo per l'acquisizione di Paidy, una piattaforma giapponese di credito al consumo nella modalità "buy now, pay later" (BNPL), per 300 miliardi di yen (2,3 miliardi di euro).

Con quest'acquisto PayPal punta a rafforzare la sua presenza nel mercato e-commerce giapponese, che è il terzo al mondo.

"Paidy è stato un pioniere delle soluzioni 'buy now, pay later' tarato sul mercato giapponese, cresciuto rapidamente per diventare un servizio di punta e per diventare una redditizia piattaforma bilaterale destinata a consumatori e commercianti", ha commentato Peter Kenevan, capo di PayPal in Giappone. "Combinando - ha continuato - il brand, le capacità e il talentuoso team di Paidy con l'esperienza, le risorse e la scala globale di PayPal, creeremo forti fondamenta per cogliere il momento in questo mercato strategicamente importante".

La soluzione di pagamento buy now, pay later prevede l'acquisto a rate di prodotti e servizi, senza anticipo e senza interessi. In particolare il servizio fornito da Paidy consente il pagamento mensile degli acquisti attraverso i convenience store - presenti a decine di migliaia in tutto il paese e spesso aperti H24, o via bonifico bancario.

Inoltre la compagnia utilizza una tecnologia proprietaria che ha ottenuto la fiducia dei consumatori e dei commercianti.

Il settore BNPL è in particolare crescita ed è particolarmente ambito. Il mese scorso Afterpay è stata acquisita per 29 miliardi di dollari da Square, un'azienda di Jack Dorsey, l'amministratore delegato di Twitter. Invece la Affirm, altra compagnia del settore, ha stretto un accordo di collaborazione con Amazon.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli