PayPal completa l'esperienza ecommerce con i resi senza scatola di Happy Returns

·2 minuto per la lettura

La piattaforma di pagamento statunitense PayPal completa l'intero percorso di acquisto online includendo i servizi post vendita attraverso l'acquisizione di Happy Returns. Dopo avere esteso la piattaforma di pagamento della stessa PayPal e ad avere compreso l'esperienza di pre-acquisto nella propria offerta con l'acquisizione nel 2019 di Honey che permette di ricevere una notifica in caso di sconti sui prodotti o coupon da sfruttare sugli store, l'azienda statunitense aggiunge al suo percorso di crescita anche un importante servizio post-acquisto. Happy Returns è una piattaforma lanciata nel 2015 per fornire resi di persona senza scatola a seguito degli ordini online. L'azienda punta da sempre sui sui tre pilastri: migliorare l'esperienza del cliente, rendere la restituzione meno costosa per il commerciante e risparmiare sul materiale d'imballaggio in termini di inquinamento ambientale.

Questa operazione completa il piano aziendale di PayPal che, per bocca del suo CEO Dan Schulman, annuncia il lancio di un portafoglio digitale di nuova generazione con servizi finanziari e pagamenti personalizzati e presenta questo ulteriore tassello della sua crescita come completamento dell'intera esperienza d'acquisto. Dalla piattaforma comunicano, invece: “Abbiamo avviato Happy Returns quasi sei anni fa con la missione di rendere migliori i resi per gli acquirenti, i rivenditori e il pianeta. A quel tempo, abbiamo visto che la restituzione di merci acquistate online era dispendiosa, costosa e ingombrante per tutte le persone coinvolte. Abbiamo introdotto il ritiro del reso di persona senza scatola come soluzione, offrendo una migliore esperienza per gli acquirenti che ha abbassato i costi per i commercianti e portato sostenibilità al pianeta. I progressi di Happy Returns da allora sono stati sbalorditivi. Oggi, la nostra rete include più di 2.600 punti di consegna, in oltre 1.200 aree metropolitane in ogni stato degli Stati Uniti continentali (oltre a Washington, DC). (...)Ecco perché oggi siamo entusiasti di annunciare che abbiamo unito le forze con PayPal per accelerare la nostra crescita ed estendere il nostro impatto. Come parte di PayPal, Happy Returns continuerà a offrire la migliore esperienza di reso a rivenditori e acquirenti. La nostra tecnologia e la nostra piattaforma agevoleranno PayPal oltre i pagamenti nell'esperienza post-acquisto. Con il supporto di PayPal, ci concentreremo anche sul miglioramento della nostra piattaforma e sull'espansione della nostra presenza, il tutto con l'obiettivo di fornire a più clienti il modo più semplice, economico ed ecologico per effettuare ed elaborare i resi”.

In Italia, PayPal ha invece chiuso una collaborazione con l’istituto di pagamento di Enel X PayTipper per agevolare PayPal come metodo di pagamento alternativo per tributi, tasse, utenze, rette, bolli, quote associative e tutto quanto concerne le Pubbliche Amministrazioni, le università, le ASL e le scuole. Con la collaborazione tra PayPal e PayTipper, il sistema pagoPA consente di disporre di un metodo di pagamento digitale in più che può contare su quasi 9 milioni di conti attivi in Italia.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli