Pazienti oncologiche in crociera per "guardare oltre la malattia"

Cro-Mpd

Roma, 15 ott. (askanews) - Un viaggio verso la normalità e la guarigione, pensato per le donne che stanno affrontando il tumore: una pausa per ricaricarsi di serenità e gioia di vivere, insieme alla propria famiglia e ad altri compagni di traversata. Per questo, oltre 60 tra pazienti oncologiche in cura presso l'Oncologia Medica Addarii del Policlinico S.Orsola di Bologna e i loro familiari sono partite oggi per una mini-crociera che, in quattro giorni, li porterà da Bologna a Genova, per poi salpare verso Barcellona e Marsiglia. Una vacanza nata da una bella storia di aggregazione, solidarietà e voglia di vivere, e dalla collaborazione tra l'associazione di volontariato Loto Onlus di Bologna, che sostiene la ricerca e l'informazione sul carcinoma dell'ovaio, e Robintur Travel Group, il gruppo di agenzie di viaggio con le insegne Robintur e Viaggi Coop.

"Tutto è iniziato da una nostra giovane dipendente che è in terapia per un tumore al seno e che ha parlato di quanto viaggiare possa essere terapeutico alle altre pazienti e alle volontarie dell'associazione" racconta Tina Giglio, direttore Rete e Personale di Robintur Travel Group. Così, tra le pazienti associate a Loto è nata l'idea di organizzare una vacanza adatta, di gruppo, con una formula che tenesse conto dei bisogni personali e della necessità di muoversi in sicurezza delle donne. "Robintur è un'azienda in rosa - prosegue Giglio - che occupa oltre l'85% di donne e che si ispira ai valori di solidarietà, attenzione alle persone e mutuo aiuto della cooperazione. Abbiamo aderito all'idea con entusiasmo, mettendo a disposizione la nostra capacità di ascolto, tutta l'esperienza e la forza contrattuale del nostro Gruppo". (segue)