Pd ad Azzolina: serve piano per riapertura scuole, incontriamoci

Rea

Roma, 19 giu. (askanews) - Il Partito democratico ha scritto una lettera alla ministra Lucia Azzolina per chiedere un incontro sul piano di ripresa delle attivit didattiche a settembre. "Il vuoto creato dalla chiusura delle scuole, in seguito all'emergenza Coronavirus e i limiti della DAD rilevati in questi mesi, richiedono con urgenza soluzioni per la ripresa delle attivit scolastiche, che rispondano ad alcuni obiettivi, resi prioritari dall'emergenza: il contrasto alla diseguaglianza attraverso una scuola inclusiva che permetta lo sviluppo pieno delle potenzialit di ciascuno; la predisposizione e la cura di contesti di apprendimento declinati secondo le diverse fasce di et, che accompagnino bambini/e e ragazzi/e nel ricostruire la trama di relazioni e la quotidianit della vita scolastica che hanno lasciato prima del lock down; il monitoraggio degli apprendimenti che persegua il valore formativo della valutazione". Lo scrivono Valentina Cuppi, presidente del PD, Camilla Sgambato, responsabile Scuola del PD, Vanna Iori, capogruppo PD in Commissione Cultura alla Camera e Flavia Piccoli Nardelli, capogruppo PD in Commissione Istruzione al Senato, in una lettera alla ministra dell'Istruzione Lucia Azzolina.

"Nonostante lo sforzo impensabile compiuto da studenti, docenti,dirigenti scolastici e famiglie, l'emergenza ha creato una geografia di opportunit estremamente variabile, con una conseguente acutizzazione delle diseguaglianze e una forte penalizzazione dei soggetti fragili a cui bisogna dare una risposta immediata. Le istituzioni scolastiche, i dirigenti e gli insegnanti non possono essere lasciati soli nella riprogettazione della scuola a settembre. Accanto a Linee guida chiare e coerenti che scuole ed enti locali attendono su regole e suddivisioni delle responsabilit, e con una ricognizione degli spazi disponibili nelle scuole e nelle citt - che molti enti locali hanno gi avviato con gli uffici scolastici regionali e con i dirigenti scolastici - siamo convinti che sia necessario istituire un patto di comunit che sancisca un'alleanza fra Scuola e Territorio (enti locali, agenzie culturali, terzo settore, etc.) capace di valorizzare le risorse umane, educative e culturali presenti nelle diverse realt locali. Per realizzare questo ambizioso programma - proseguono - indispensabile un ingente investimento sul personale scolastico (organico aggiuntivo di docenti, personale ATA, e distacco di figure di sistema (cosiddette figure di staff), cos come va garantito il mantenimento del numero di dirigenze scolastiche, necessarie per affrontare la complessit del prossimo anno, soprattutto a sostegno delle istituzioni scolastiche che presentano maggiori criticit".

A questo scopo il Partito Democratico "ritiene che ci siano alcuni punti imprescindibili per creare condizioni sostenibili per il rientro, con un progetto educativo e didattico di qualit; un progetto per una scuola inclusiva e democratica, che tenga conto sia delle diverse realt familiari, socio-culturali, fisiche e psicologiche di cui i ragazzi e le ragazze sono portatori, sia dei diversi contesti territoriali in cui la scuola opera. Per questa ragione - concludono - siamo a chiederle un incontro per illustrare e discutere con Lei il contributo del Partito Democratico al piano di ripresa delle attivit didattiche a settembre".