Pd: aperto, digitale e sul modello Ulivo, così lo vogliono i Circoli nel vademecum (3)

·1 minuto per la lettura
default featured image 3 1200x900
default featured image 3 1200x900

(Adnkronos) – (Adnkronos) – Ampio il capitolo dedicato all'Europa. Tra le varie proposte, un 22% ha indicato il welfare comune e la tutela dei diritti, un 28% una maggiore integrazione politica Europea a proposito della prossima Conferenza sul futuro dell'Ue. Per il 12% il Pd deve essere protagonista in Europa e solo il 2% ha parlato di debolezze dell'Ue sulla campagna vaccinale.

Molte le indicazioni sulle alleanze e sul centrosinistra. Un 21% ha parlato di centrosinistra unito sul modello dell'Ulivo, il 20% del dialogo con il M5s a partire dai valori, il 16% di riaffermare identità e valori del Pd. Sul governo Draghi, il 42% ha parlato di sostegno ma difendendo la nostra identità, il 25% di prepararsi alle prossime elezioni, il 24% di un Pd protagonista del Recovery fund. Per il 6% il governo Draghi è il fallimento delle classi dirigenti.

Per quel che riguarda le riforme del sistema "malato", il 15% ha invocato candidati Pd scelti in modo trasparente, il 15% ha detto no alle liste bloccate, il 13% vuole il maggioritario. Per il 4% il taglio dei parlamentari è un problema. Sul Pd, tra le tante proposte si segnala il 17% per la promozione di partecipazione e ascolto, il 12% per l'apertura alla società civile, il 34% per un maggiore coordinamento tra partito, eletti e Circoli, il 22% per una maggiore presenza sul territorio, il 17% per il digitale per aumentare la partecipazione, un 34% per un partito aperto e democratico. Un 7% ha sentenziato che le correnti minano l'uità del partito.