Pd: Areadem, 'Agorà sono opportunità, ma occhio a identità o si rischia effetto Leopolda' (2)

·1 minuto per la lettura
default featured image 3 1200x900
default featured image 3 1200x900

(Adnkronos) – (Adnkronos) – La ex ministra della Difesa ha anche messo in guardia: "Il progetto va bene, ma come facciamo a far sì che le Agorà diventino cose non estemporanee? Ricordo esperienze brillanti, come la Leopolda, c'erano energie e idee. Ma non è diventata una cosa sistematica, serviva solo per il comizio finale. Le Agorà senza rete mi sembrano come le primarie senza politica: utili, ma ci vuole la politica altrimenti ci troviamo senza risposte e non riusciamo a mettere insieme i cocci. A me piacevano le tesi dell'Ulivo, dove tu ti dichiaravi e poi coinvolgevi".

Per Alberto Losacco "abbiamo bisogno dei partiti, calati nella modernità anche per le forme partecipazione. Se il Pd è l'ultimo partito rimasto in Italia è doveroso porsi il problema della forma-partito. Ben vengano le Agorà, ma ci sono temi e scogli su cui discutiamo dalla nascita del Pd: bisogna evitare la riproposizione artificiosa del dualismo iscritti-cittadini e politica-società civile, con l'idea che i primi devono essere tenuti a bada e i secondi sono vittime".

Per Chiara Braga le Agorà "sono una grande occasione per rinnovare l'identità del partito. Sarà fondamentale tenere insieme i passaggi di elaborazione di una visione e delle proposte, la radicalità della base e la praticabilità delle proposte in modo che non si tratti di una affermazione di buoni propositi ma di un cambiamento che possa incidere".

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli