Pd: Bettini, 'chi sbandiera 'draghizzazione' affossa chi vorrebbe esaltare'

·1 minuto per la lettura
default featured image 3 1200x900
default featured image 3 1200x900

Roma, 24 set (Adnkronos) – "Sulla prospettiva politica e la questione della presidenza della Repubblica, Enrico Letta ha chiesto una moratoria della discussione. È del tutto comprensibile e saggio. Speravo che tutti i dirigenti del Pd accogliessero l'appello. Non è stato così". Lo dice Goffredo Bettini al 'Riformista'.

"Personalmente le cose che avevo da dire le ho dette. Ora si tratta di concentrarsi esclusivamente sulla prova difficile e per molti aspetti importantissima delle elezioni amministrative -spiega il dirigente del Pd-. Mi preme solo sottolineare, di nuovo, che la mia vera preoccupazione riguardava il modo migliore per non perdere il contributo decisivo di Draghi all'Italia; soprattutto sul piano dei rapporti con l'Europa, degli indirizzi macroeconomici e della politica estera. Draghi rappresenta una garanzia per l'equilibrio della Repubblica e ritengo che, qualsiasi ruolo egli voglia o possa ricoprire, tale garanzia vada conservata anche nel futuro".

"In politica spesso, per stupidità o per ipocrisia, chi sbandiera in modo un pò scomposto un obiettivo (la "draghizzazione" del Pd. Boh!), alla fine diventa la causa dell'affossamento di chi si intenderebbe esaltare. Ma su questo, ripeto, faremo una valutazione più serena dopo la conclusione dei ballottaggi nelle grandi città", sottolinea ancora Bettini.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli