Pd, Bettini: "Conte potenziale alleato, errore dire mai più con M5S"

(Adnkronos) - Giuseppe Conte "è un compagno di viaggio, un potenziale alleato", per il Pd è un "errore dire mai più con il M5S". Sono le parole di Goffredo Bettini a Mezz'ora in più su Raitre.

"Conte ha il ruolo di una personalità politica che ha traghettato il M5S da una posizione anti istituzionale al governo, che difende l'interesse dei ceti più deboli. E' un compagno di viaggio, un potenziale alleato. Ma anche nel Lazio i rapporti unitari sono andati a pallino. Conte ha fatto l'errore di far cadere il governo Draghi, noi l'errore di dire mai più con il M5S", dice Bettini.

"Conte è stato un alleato del Pd, ha anche preso in mano temi della sinistra, pezzi del Pd lo hanno votato. Ma questo deriva da una debolezza dell'impianto del Pd, che deve scegliere. Ci sono due culture nel Pd, una visione apologetica dello sviluppo e la mia visione, totalmente diversa, dobbiamo riformare il capitalismo", prosegue.

Con questa destra "ci dobbiamo preparare a una risposta di fondo. In questo momento mi interessano meno le alleanze. Ho sostenuto il rapporto con il M5S, anche pagando un prezzo. Abbiamo governato insieme, abbiamo fatto del bene all'Italia ma adesso siamo in una fase totalmente nuova in cui la sinistra deve fare la sinistra. Deve riprendere la sua visione, perduta, di capovolgere i rapporti tra chi sta sotto e sopra. E' la sua missione".

Ieri M5S e Pd hanno partecipato a Roma alla manifestazione per la pace in Ucraina. "Non ho mai avuto dubbi sul sostegno all'Ucraina, ma la critica che faccio e che questo andava fatto non come una crociata dell'Occidente contro il resto del mondo ma con una iniziativa diplomatica di pace, per aiutare l'Ucraina ma per aprire una prospettiva per una trattativa. La manifestazione di ieri era largamente a sostegno popolo ucraino ma ha riposto al centro la parola pace, la trattativa".