Pd: Bettini, 'serve svolta in rapporto con M5S, scommettere su alleanza con Conte' (2)

·1 minuto per la lettura
default featured image 3 1200x900
default featured image 3 1200x900

(Adnkronos) – "Quando si governa insieme ( questa è la lezione che ho imparato fin dai tempi del Pci) si contribuisce a risolvere i problemi, a sostenere chi ha la massima responsabilità, a rinsaldare i rapporti unitari con i compagni di strada. Questo abbiamo fatto", osserva Bettini.

"Il Pd giustamente, con Letta, ha rilanciato la prospettiva del centrosinistra" sebbene "nello spazio che si autodefinisce autenticamente 'riformista', liberale e rivolto all'area più moderata, non siamo messi bene. Calenda polemizza quotidianamente e con incredibile asprezza contro il Pd e i candidati sindaci del centrosinistra di Roma e Napoli. Renzi si muove nella stessa direzione".

Quanto al "Movimento 5 stelle sta letteralmente esplodendo. Conte è stato sempre il rappresentante più ragionevole, equilibrato, testardamente unitario, anche nei confronti del Pd. (…). La sua popolarità è ancora molto forte, il suo lavoro per costruire una carta dei principi, dei valori e uno statuto sembra a me ancora oggi un'ambizione preziosa. Non vedo come si possa gioire per le difficoltà che incontra questo tentativo. La frammentazione porterebbe a una confusione destabilizzante, anche in vista delle elezioni del capo dello stato. E lascerebbe il Pd, per quanto scritto in precedenza, senza il principale interlocutore della sua proposta di governo". Conclude Bettini: "In Italia, dentro al Pd o fuori dal Pd, deve ricostruirsi una presenza forte e unitaria della sinistra democratica, innovativa, moderna e libertaria" ed "inoltre-aggiunge- spero che il progetto di Conte possa andare avanti. Senza che lo stesso Conte si riduca, paradossalmente, a una 'enclave' minoritaria".

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli