Pd: Calenda, 'caro Letta molla Conte e Grillo, due frutti avvelenati'

·1 minuto per la lettura
default featured image 3 1200x900
default featured image 3 1200x900

Roma, 1 lug. (Adnkronos) – "Io dico: caro Letta, abbandona la subalternità al Movimento o a Conte che sono lo stesso tipo di frutto avvelenato e andiamo in mare aperto a cercare voti di riformisti e popolari insieme a chi in Forza Italia, ci sta come la Carfagna e altri, a Sala che sta facendo un gran lavoro nei Verdi". Così Carlo Calenda all'HuffPost.

Al Pd dico "chiaritevi le idee. L’obiettivo di Azione, che dopo le elezioni di ottobre metterà insieme un’area liberaldemocratica, non è mai stato di distruggere il Pd. L’Italia ha bisogno del Pd, ma non di questo Pd di capibastone furbi e codardi. Fatevi coraggio, che diamine".

"Il tempo utile è, per il centrosinistra, andarsi a cercare i voti. Reggersi in piedi con quelli di un altro non mi pare una linea. Sa quale è il dramma? Pensare di non avere più la forza di vincere. Francamente, pensavo meglio: Letta mi ha deluso, è staccato dalla realtà". Era meglio Zingaretti? "Forse sì. Almeno non proponeva cose che non vedranno mai la luce, tipo il voto ai sedicenni e la dote ai diciottenni o si arrovellava sull’inginocchiamento della nazionale".

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli