**Pd: conta in gruppo Camera, Serracchiani in vantaggio**

·1 minuto per la lettura
default featured image 3 1200x900
default featured image 3 1200x900

Roma, 29 mar. (Adnkronos) – A meno di sorprese domani sera Debora Serracchiani sarà la nuova presidente dei deputati Pd. Numeri alla mano, il consenso per la presidente della commissione Lavoro doppia quasi quello dell'altra candidata Marianna Madia. In particolare grazie al sostegno di Base Riformista che conta, da sola, circa un terzo dei parlamentari dem (in tutto 93) a Montecitorio, oltre a quello di Areadem di Dario Franceschini e di altri deputati in modo trasversale.

Per Madia c'è l'area dei Giovani Turchi e, anche in questo caso, consensi sparsi nel gruppo. "Un po' di rimescolamentio ci sarà", prevede un deputato che sostiene Madia ma "con il sostegno di Base Riformista che ha stretto un accordo per avere Piero De Luca come vice vicario, i giochi sono abbastanza chiusi". Una sfida complicata in partenza ma, almeno fino al pomeriggio di oggi, la candidatura di Madia è confermata.

Le polemiche delle ultime ore lasciano strascichi pesanti nel gruppo, tensioni che per molti potevano e dovevano essere evitate. Tanto che ieri era circolata l'ipotesi di azzerare tutto e ripartire magari con una terza candidatura unitaria. Oggi però, spiegano fonti parlamentari dem all'Adnkronos, quell'ipotesi è tramontata e quindi, a meno di sorprese dell'ultima ora, si andrà alla sfida Madia-Serracchiani. Seggio elettorale aperto dalle 15 alle 18. Non è previsto dibattito ma solo il voto per la nuova presidente.