**Pd: conta in gruppo Camera, Serracchiani in vantaggio** (2)

·1 minuto per la lettura
default featured image 3 1200x900
default featured image 3 1200x900

(Adnkronos) – Da parte sua il segretario Enrico Letta invita alla "serenità" e scherza sul termine noto per lo 'stai sereno' di Matteo Renzi così: "Se posso permettermi di usare questo termine credo che la scelta di domani alla Camera, per scegliere la nuova capogruppo, vada fatta in grande serenità". Ma il segretario aggiunge anche: "Mi stupisce come venga trattata la questione Madia-Serracchiani sui media: se fosse stato un confronto tra due uomini si sarebbe usato ben altro linguaggio".

Per Letta quella del ricambio "non è una battaglia, è la precondizione per stare in una società in cui uomini e donne devono avere le stesse opportunità". E Titti Di Salvo, deputata dem in prima linea sulla parità di genere, osserva parlando con l'Adnkronos che il confronto tra Madia e Serracchiani sia "un segno di cambiamento, una competizione tra due donne competenti, che hanno alle spalle esperienze che provano la loro competenza. Sono molto d'accordo con Letta quando dice che se si fosse trattato di un confronto tra due uomini sarebbe stato raccontato diversamente. Madia e Serracchiani non hanno bisogno di essere indicate da nessuno".

Non è dello stesso avviso la senatrice Monica Cirinnà: "'Lo scontro tra Serracchiani e Madia? Penso con dolore e tristezza che è un panorama che di solito le donne non dovrebbero dare. Ne penso ogni male possibile, perché siamo ancora alla cooptazione e a quello che viene concesso dagli uomini nei confronti delle donne. Se fossi Delrio azzererei tutto e aprirei le candidature, più ce ne sono e meglio sarà".