Pd: Corte Ue ci richiama e R. Lombardia deroga a mezzi inquinanti

Red-Alp
·2 minuto per la lettura

Milano, 10 nov. (askanews) - "Apprendiamo dell'approvazione di una delibera della Giunta regionale lombarda, proposta dall'assessore all'Ambiente Cattaneo, con le deroghe per i veicoli inquinanti a circolare in Lombardia: avviene proprio nel giorno in cui la Corte Europea richiama l'Italia per le violazioni sistematiche dei valori limite Ue sulle concentrazioni di Pm10 nell'aria. Siamo molto perplesse". Lo hanno dichiarato in una nota le consigliere regionali del Pd, Antonella Forattini (capogruppo in VI Commissione Ambiente) e Paola Bocci, commentando la notizia che Regione Lombardia sospende i divieti proprio quando il Paese viene redarguito per la gestione dell'inquinamento. "Comprendiamo la necessità di affrontare l'emergenza pandemica, ma non pensiamo che la soluzione al bisogno di rimodulare la mobilita dei cittadini per ridurre il più possibile i rischi di assembramenti sia la sospensione di provvedimenti a tutela dall'eccesso di inquinamento dell'ambiente" hanno aggiunto le due esponenti dem, facendo presente che "l'assessore Cattaneo fa passare come una scelta necessaria la sospensione delle misure temporanee di primo e secondo livello relative alla mobilità privata, introdotte nel 2017 per diminuire le emissioni inquinanti". "Ricordiamo che la situazione rilevata dalla Ue ha le sue cause anche nelle scelte e misure adottate negli anni dalle varie Giunte regionali, mai davvero adeguate ed efficaci a contrastare i livelli di inquinamento in costante peggioramento" hanno proseguito Forattini e Bocci, ricordando che "mentre ancora ieri a Milano si sono superate le soglie, sia per quanto riguarda il Pm10 che per quanto riguarda il Pm 2.5, Cattaneo sembra non accorgersene e deroga ai veicoli diesel inquinanti". Tra l'altro, tengono a sottolineare le consigliere Pd, "in contraddizione con l'evidenza delle misure di contenimento che raccomandano di spostarsi il meno possibile". "Chiediamo quindi di rivedere questa deroga e di tenere in vigore la limitazione della circolazione di veicoli privati più inquinanti" hanno aggiunto, concludendo "a breve arriverà in Aula il Piano regionale ambiente energia clima, dove riteniamo necessario e urgente inserire misure più radicali di contrasto all'inquinamento, per la maggior tutela della salute dei cittadini lombardi".