Pd: Cuperlo, mescoliamoci il piu' possibile e non decidano capicorrente

(ASCA) - Roma, 4 lug - ''Discutiamo, si' discutiamo fino allo sfinimento, mescoliamoci quanto piu' e' possibile. Nessuno di noi pensa che la sfida e' ritornare da dove siamo partiti, ma poi rimettiamo ogni decisione a chi ha il dovere e il diritto di scegliere e sono i nostri iscritti e i nostri elettori. Fidiamoci di loro, della nostra gente. Ce ne saranno grati, ma qualunque sara' l'esito del confronto saremo grati a loro''. E' l'appello che Gianni Cuperlo ha formulato nel suo intervento al convegno democratico ''Fare il Pd'' chiedendo in sostanza che a decidere sulle politiche e le scelte congressuali non siano i capicorrente: ''Partiamo dalla politica, dai contenuti, dalle idee, discutiamo con quello spirito di massima apertura che mai come adesso e' vitale. Tanto e' fuori da noi e vederlo, ascoltarlo, capirlo e' la premessa per pensare che il mondo non si racchiuda su una discussione estenuante sulle regole che forse si potrebbe chiudere in mezz'ora''. E ancora piu' esplicito Cuperlo e' stato quando ha detto: ''Il punto e' che tutto questo, se lo prendiamo seriamente, non passa piu' da un accordo di vetrici di aree, di corrente che hanno finito per condizionare la nostra vita e anche qualche sconfitta''.

Ricerca

Le notizie del giorno