Pd: Cuperlo, 'serve impresa collettiva di ricostruzione, Maradona in giro non ne vedo'

default featured image 3 1200x900
default featured image 3 1200x900

Roma, 9 nov (Adnkronos) – "Per recuperare quella che ho definito la nostra ‘reputazione’ c’è la necessità di una impresa collettiva e di una ricostruzione dal basso, dai circoli, dal territorio, evitando che ci sia l’ennesima chiamata correntizia dietro a questo o quel nome candidato alla segreteria. Anche perché di Maradona in giro non ne vedo". Lo ha detto Gianni Cuperlo a radio Immagina.

"Le ragioni della sconfitta elettorale sono sicuramente state determinate dal tramonto del campo largo, da una pessima legge elettorale, da voltafaccia dell’ultim’ora, ma occorre dire che le radici di questa sconfitta sono più profonde. E la soluzione non è la semplice sostituzione del segretario”, ha spiegato il deputato dem e presidente della Fondazione costituente del Pd.

Cuperlo, tra l'altro, ha parlato anche delle alleanze: "Carlo Calenda al centro e Giuseppe Conte sul versante 5 stelle pensano di sfruttare il momento politico cercando di mettere ogni giorno e ogni ora ancor più in difficoltà il Partito democratico. Di fronte a un governo di destra in purezza, piuttosto che ricercare punti di incontro tra le opposizioni per contrastare l’azione dell’esecutivo Calenda e Conte privilegiano il loro interesse particolare rispetto all’interesse generale, quello del Paese".