Pd da Fico: fare in fretta per governo, bisogna dare sicurezza a Paese

Red
·2 minuto per la lettura
Image from askanews web site
Image from askanews web site

Roma, 30 gen. (askanews) - "Si impone alle forze politiche la necessità di fare in fretta e di dare sicurezza e certezza il nostro Paese". Lo ha detto il segretario del Pd Nicola Zingaretti al termine delle consultazioni con Roberto Fico in vista della formazione del nuovo governo. "Noi faremo di tutto per essere leali e coerenti con questo obiettivo. Ci permettiamo di fare un appello a tutto e tutti perché a questo punto non si può davvero sbagliare".

"Abbiamo dato al presidente Fico la nostra disponibilità a contribuire alla scrittura di un programma di fine legislatura", ha riferito il leader dem. "Crediamo che questo compito sia in assoluta sintonia con la voglia degli italiani di rimettersi in piedi e guardare al futuro con fiducia e speranza. Quello che dobbiamo far prevalere è il bene comune del Paese e, in questo momento, ciò coincide con la necessità di avere un governo e un programma di fine legislatura". "Nella scrittura del programma di fine legislatura bisogna coinvolgere la maggioranza del governo Conte nel secondo mandato e le forze che hanno votato la fiducia sia alla Camera che al Senato, avviando un lavoro collegiale", ha spiegato ancora Zingaretti.

Giustizia, fisco, legge elettorale: è questo il pacchetto di riforme indicato dal segretario del Pd al termine del colloquio con Fico. A suo giudizio, serve la "chiusura e attuazione dello Sure e del Recovery Plan", "la riforma fiscale all'insegna della selettività e della semplificazione" ma anche una "riforma della giustizia che coniughi garanzie costituzionali e tempi del processo". C'è poi tutto il pacchetto delle riforme costituzionali a cominciare da una legge elettorale "di stampo proporzionale su cui già c'era stata ampia convergenza". Nell'elenco fatto da Zingaretti, anche "le riforme legate alle politiche attive del lavoro", le "riforme sociali", la sanità, la scuola e poi "il tema del commercio del turismo e del terziario, settori duramente colpiti dalla pandemia".