Pd di Milano celebra centenario del Pci con 9 appuntamenti virtuali

Red
·1 minuto per la lettura
Image from askanews web site
Image from askanews web site

Milano, 21 gen. (askanews) - Si chiama "Cento anni dopo. L'eredità politica del Pci" il programma promosso dal Pd di Milano Metropolitana per il centenario della nascita del Partito Comunista italiano il 21 gennaio 1921. L'anniversario, si legge in una nota, viene vissuto dal partito come un'occasione per compiere una "profonda riflessione" sull'oggi, attraverso la lettura e l'analisi di una "storia portatrice di idee e valori che è alla base di una cultura storica e politica in parte confluita nel Pd". Da qui l'idea di celebrare i 100 anni del Partito Comunista con nove appuntamenti virtuali, insieme ad alcuni protagonisti di quella stagione politica.

Il primo di questi si terrà domani, venerdì 22 gennaio, alle ore 18,30 sulla pagina del PD Milano Metropolitana (https://www.facebook.com/PdMilanoMetropolitana) con gli interventi di Gianni Cuperlo, Claudia Mancina, Piero Fassino, Silvia Roggiani, Filippo Barberis, moderati da Giacomo Marossi.

Di seguito le date successive: venerdì 12 febbraio "La svolta dell'89: il futuro ha radici antiche": Achille Occhetto, Barbara Pollastrini, Franco Mirabelli; lunedi 22 febbraio "Il movimento dei lavoratori: ieri e oggi.": Antonio Pizzinato, Massimo Bonini, Susanna Camusso, Gad Lerner; venerdì 26 febbraio "Sinistra popolare e sinistra dei valori": Mattia Santori, Valentina Cuppi, Pierfrancesco Majorino; venerdì 5 marzo "Storia delle donne nel PCI e il femminismo oggi": Livia Turco, Lia Quartapelle, Cecilia D'Elia, Romana Bianchi; venerdì 12 marzo "Comunisti e cattolici": Pierluigi Castagnetti, Patrizia Toia; venerdì 19 marzo "Comunisti e socialisti": Gianni Cervetti, Claudio Martelli, Jacopo Perazzoli, Carmela Rozza; venerdì 26 marzo "Dalla FGCI ai Giovani Democratici": Vinicio Peluffo, Giuseppe Raciti, Brando Benifei, Caterina Cerroni; martedì 30 marzo "100 anni di riformismo a Milano": Roberto Vitali, Marilena Adamo, Giuliano Pisapia.