Pd: domani alle 18 Agorà su parità salariale con Letta e Orlando

default featured image 3 1200x900
default featured image 3 1200x900

Roma, 10 mag. (Adnkronos) – Si terrà domani, mercoledì 11 maggio, dalle 18 in forma ibrida, l’agorà 'Parità salariale: dalla legge nazionale alle regionali'. Interverranno tra gli altri il segretario del Pd, Enrico Letta, il Ministro del Lavoro e delle Politiche Sociali Andrea Orlando, il vicesegretario Pd Peppe Provenzano,le deputate Cecilia d’Elia (Responsabile Politiche per la Parità nella segreteria Pd e Portavoce della Conferenza delle donne democratiche), Chiara Gribaudo (responsabile Missione Giovani segreteria Pd).

Tra gli interventi anche Emma Petitti (Presidente dell’Assemblea legislativa dell’Emilia-Romagna e Coordinatrice per le pari opportunità della Conferenza delle assemblee regionali), Susanna Camusso (Responsabile Cgil per le politiche internazionali e di genere), Valentina Cardinali (sociologa, esperta del mercato del lavoro e di politiche di genere), Francesca Bagni Cipriani (Consigliera Nazionale di Parità), Irma Conti (Presidente associazione donne giuriste Italia), Liliana Ocmin (Coordinatrice donne Cisl), Loredana Capone (Presidente del Consiglio regionale della Puglia).

"L’agorà -si legge in una nota- lavorerà sulle proposte di leggi regionali necessarie per una piena attuazione della recente legge sulla parità salariale. A parità di impiego le donne guadagnano circa il 18% in meno degli uomini e, nonostante il numero delle laureate superi quello dei laureati e siano migliori i percorsi formativi, rimane la difficoltà di accesso al lavoro e una condizione di maggiore precarietà nei contratti. Le diseguaglianze di genere sono state ulteriormente aggravate dalla pandemia tanto che secondo il Bilancio di Genere del 2021, pubblicato dalla Ragioneria generale dello Stato, nel 2020 l’occupazione femminile è scesa al 49%".

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli