Pd, ecco l'abbazia scelta da Zingaretti per il 'ritiro'

webinfo@adnkronos.com

Un tempo abitata da monaci cistercensi, ora è una location per matrimoni esclusivi e blindati dei vip: dall'ex nazionale di basket Marco Cusin all'attore di 'Romanzo criminale' Kim Rossi Stuart, che qui ha impalmato la show girl Ilaria Spada. Stiamo parlando dell'abbazia di San Pastore nel Retino, il 'ritiro' scelto dal segretario del Pd, Nicola Zingaretti, per fare il punto della situazione politica con i suoi parlamentari, il 13 e 14 gennaio prossimi. Si tratta di un'antica abbazia eretta nel 1255 alle pendici della Valle Santa, nella campagna tra Contigliano e Greccio. È parte del 'cammino di Francesco', il cammino di pellegrinaggio che unisce i quattro santuari francescani della Valle Santa, e della via Benedicti.  

Dotata di una maxi sala di ricevimento, in grado di accogliere fino a 500 ospiti seduti, come si legge nelle recensioni web di alcuni wedding planner, mette a disposizione degli sposi una chiesa sconsacrata, ampio chiostro, piscina esterna, aula capitolare, terrazza panoramica per l'aperitivo davanti al monte Terminillo, cucina ad uso catering, suite nuziale, appartamenti di varia metratura e parcheggio. Il prezzo del menu, come si legge nel sito 'matrimonio.com', varia da 150 a 180 euro.  

Il seminario dem, dal titolo 'Oggi per un domani. Prima le persone per una nuova agenda di governo', si terrà a porte chiuse e sarà l'occasione per una riflessione interna al Pd sulle prossime strategie, anche in vista delle regionali in Emilia-Romagna, considerate un banco di prova per la tenuta nazionale della maggioranza.