Pd: Gribaudo, 'astenuta in Direzione, metodo opaco servono chiarimenti'

default featured image 3 1200x900
default featured image 3 1200x900

Roma, 24 nov. (Adnkronos) – “Da sempre sono abituata a usare parole di verità, quello stesso approccio trasparente che il Segretario Enrico Letta ci ha chiesto di utilizzare in questa fase costituente. Proprio per questo oggi, nel mio intervento in Direzione, ho voluto fare un po’ di chiarezza sulla composizione del comitato costituente. Credo ci sia stata una mancanza di trasparenza". Lo scrive la deputata democratica Chiara Gribaudo.

"Capisco non sia facilissimo trovare un criterio e capisco che tutto si possa sistemare in corso d’opera, ma sono troppo pochi gli under 40, tra cui, per giunta, è stata esclusa ancora una volta una donna, la più giovane dei cosiddetti 'reggenti' dei Gd. E poi, parliamo della scelta dei parlamentari: una composizione avvenuta con un criterio poco comprensibile, che non è stato né discusso né votato in assemblea. Un conto è scegliere chi ha avuto funzione importante nella storia del nostro partito, un altro è scegliere con un criterio non illustrato, di cui non sappiamo niente e mai votato, nemmeno in una Segreteria mai convocata. Addirittura chiediamo criteri ai territori (tra cui il sorteggio) e invece il resto rimane opaco".

"Ho deciso di astenermi e non ho votato contro perché il Segretario ha già chiarito che saranno necessari dei cambiamenti. Li attendo. Fatto sta che questo comitato nasce male: veniamo dalla pessima esperienza delle pluricandidature, e il problema è sempre lo stesso: non si tiene mai conto di quello che si viene votato negli organismi dirigenti e non va bene”.