Pd: Letta, 'noi partito dell'intelligenza collettiva, non del leader'

·1 minuto per la lettura
default featured image 3 1200x900
default featured image 3 1200x900

Roma, 12 apr. (Adnkronos) – "La nostra forza è questo: la base, i circoli, gli iscritti, una partecipazione sui territori. Gli altri hanno costruito partiti sulla leadership carismatica, noi siamo diversi, lo siamo per Statuto e per la nostra idea della politica". Lo dice il segretario del Pd, Enrico Letta, a radio Immagina.

"Lo dirò sabato in assemblea e sarà il cuore del mio intervento: noi siamo e dobbiamo essere il partito dell'intelligenza collettiva, questa è la vera differenza fra noi e gli altri. Noi scommettiamo sul fatto che l'intelligenza collettiva sia meglio della leadership carismatica e individuale, anche perchè il leader prima o poi sbaglia…".

Sulla discussione nei circoli sul vademecum, Letta parla di "numeri impressionanti e lo dico orgoglioso: 39mila persone si sono connesse, hanno partecipato, hanno discusso. Sono un patrimonio straordinario". Il Pd "è fatto dalla sua gente e sono convinto che noi da lì ripartiamo: noi non dobbiamo avere paura della base e non dobbiamo avere paura di renderla protagonista. No controllo sulla base, ma ascolto".