**Pd: Letta sceglie i vice e prende in mano dossier Roma, resta nodo gruppi** (2)

·2 minuto per la lettura
default featured image 3 1200x900
default featured image 3 1200x900

(Adnkronos) – (Adnkronos) – In realtà, il tema di tutti i discorsi dei parlamentari dem è quello di una eventuale sostituzione dei capigruppo. Stamattina l'Assemblea di palazzo Madama si è riunita: via libera al Bilancio, nessun intervento, nessun accenno al tema. "Almeno uno dei due capigruppo donna ci vorrà", ha detto la senatrice Monica Cirinnà a 'Un giorno da pecora' facendo i nomi di Laura Boldrini alla Camera e Roberta Pinotti al Senato. In Parlamento le voci si rincorrono, la Pinotti e Valeria Fedeli sono i nomi che circolano per palazzo Madama. Debora Serracchiani, Alessia Morani, Paola De Micheli e Marianna Madia alla Camera. Ma per quello che riguarda i gruppi, trattandosi di cariche elettive, è chiaro che ogni decisione va verificata.

Su un altro 'dossier', invece, Letta ha avuto modo di intervenire subito in maniera decisa, quello del sindaco di Roma. Dal Nazareno già ieri era trapelato un certo fastidio per la fuga di notizie sull'impegno di Roberto Gualtieri. In serata Letta aveva poi incontrato i vertici locali del partito per imporre uno "stop ai motori". Oggi Letta ha visto lo stesso Gualtieri: "Non è il momento di decisioni o annunci", hanno sottolineato fonti del Nazareno spiegando che ora "inizia un confronto insieme al Pd locale per arrivare a una decisione sulla candidatura, in aprile".

Nell'incontro Letta ha rinnovato la sua stima all'ex ministro, confermando che lo stop è arrivato più per una questione di metodo. In serata, lo stesso Gualtieri ha poi spiegato su Facebook: "Sto ancora riflettendo se dare la mia disponibilità, che da più parti mi è stata sollecitata". Quanto all'incontro con Carlo Calenda, di cui si è parlato in queste ore, il leader di Azione spiega all'Adnkronos che al momento "non c'è" un appuntamento fissato. Idem per quanto riguarda gli incontri con le forze politiche, annunciati dal segretario in assemblea. Ad esempio da Italia Viva si fa sapere che ancora non ci sono stati contatti in questo senso ma, dice Ettore Rosato, "il segretario si è appena insediato… noi restiamo come sempre disponibili".