**Pd: Letta sprint tra segreteria e incontri, resta aperto tema capigruppo** (2)

default featured image 3 1200x900
default featured image 3 1200x900

(Adnkronos) – Oggi intanto è stato il giorno della segreteria dopo le nomine dei vice Irene Tinagli e Peppe Provenzano. Una segretaria piuttosto giovane, anche se non giovanissima, perfettamente bilanciata tra uomini e donne, con il giusto mix tra novità e esperienza e, soprattutto, molto unitaria. Tutte le aree interne hanno subito espresso apprezzamento, un record in casa dem. Manca il fondamentale ruolo di coordinatore della segreteria, che dovrebbe andare a Marco Meloni e che dovrebbe essere ufficializzato più in avanti.

I 16 componenti rispettano alla perfezione la parità di genere (otto donne e otto uomini). Alcuni vengono dalla 'trincea' parlamentare, altri dalla società o comunque non dalla politica, tutti hanno avuto 'mission' attinente alle proprie competenze. Vedi lo Sport affidato a una new entry come l'ex-ct della nazionale di pallavolo maschile, Mauro Berruto. Sorpreso dalla nomina, racconta all'Adnkronos: "Ho profonda stima di Enrico, ci siamo sentiti anche recentemente, ma è solo quando mi è esploso il telefono di messaggi che di fatto ho ricevuto la notizia". Per un incarico che, in piena pandemia, ha un peso particolare, specie nello sport di base: "Un mondo che si è fermato e che rischia di ritrovarsi con centinaia di migliaia di disoccupati".

Ma nella giornata anche tanti incontri. Con il presidente della Camera, Roberto Fico, che domenica scorsa nelle fare le congratulazioni a Letta per l'elezione a segretario aveva sottolineato: "Nelle sue parole ci sono dei punti in comune importanti con il Movimento 5 Stelle, a riprova di un percorso comune che può proseguire, sempre nel rispetto della reciproca autonomia”. Presto anche un colloquio con la presidente del Senato Elisabetta Casellati, l'avrebbe chiesto, si apprende a palazzo Madama, lo stesso segretario dem. Letta ha visto anche il segretario della Cgil, Maurizio Landini. Il primo di una serie di incontri, si fa sapere, con sindacati, associazioni di categoria e Terzo Settore in linea, si spiega, con l'impostazione di dialogo sociale dopo la 'sbornia' della disintermediazione.