Pd: Letta 'stringe' su capigruppo donne, pressing su Delrio-Marcucci, chat parlamentari bollenti

·1 minuto per la lettura
default featured image 3 1200x900
default featured image 3 1200x900

Roma, 22 mar (Adnkronos) – Enrico Letta ha ribadito la sua determinazione ad andare avanti sul ricambio ai vertici Pd di Camera e Senato: "Sono sicuro che i gruppi sceglieranno sulla base della selezione, votando donne di qualità, come le donne nei gruppi parlamentari del Pd", ha spiegato il segretario.

Alla vigilia della due assemblee, domani mattina quella della Camera e al pomeriggio quella del Senato, la discussione tra i parlamentari resta accesa. A Montecitorio, dopo le parole di ieri di Graziano Delrio, la situazione appare un po' più fluida. L'appuntamento è per le 9,30 e la previsione che si fa al Gruppo è che "si aprirà una discussione, che non si chiuderà domani". L'Assemblea non è, infatti, convocata come seggio elettorale. Intanto, però, nel tam tam tra i deputati gli spunti non mancano.

In pole sembrava Debora Serracchiani: "Formalmente non appartiene a nessuna area, questo è suo un punto di forza", si sottolinea in ambienti parlamentari dem. Ma per lei, come per Alessia Rotta, un'altra papabile, si sarebbe posta la questione della presidenza di commissione: da lasciare, in caso di elezione a capogruppo. Questo aprirebbe una sicura contesa con gli altri partiti, che certamente rivendicherebbero la posizione e il Pd potrebbe anche perdere la presidenza. Restano in corsa, comunque, anche Paola De Micheli, Marianna Madia, Alessia Morani.