Pd ‘low profile’ su M5s: distinguo non pagano, no polemiche

Image from askanews web site
Image from askanews web site

Roma, 3 mag. (askanews) - I mugugni nel partit Boccia, non la vede così. Il responsabile enti locali, da sempre fautore dell'asse con i 5 stelle, ricorda appunto che Pd e M5s sono alleati nella stragrande maggioranza delle città e aggiunge: "Stiamo facendo la campagna elettorale. Quello che conta ora è l'unità nelle città. E non dimentichiamo che il centrodestra ha un partito all'opposizione e due in maggioranzaà".

Certo, proprio quello che accade anche nel centrodestra mette tutti davanti ad una prospettiva un po surreale: quella di una campagna elettorale che vedrà una competizione interna alle coalizioni quasi più aspra di quella che ci sarà tra gli schieramenti. Da una parte la sfida all'ultimo voto tra Giorgia Meloni e Matteo Salvini, per rivendicare la candidatura a palazzo Chigi. Dall'altra il "ritorno alle origini" dei 5 stelle, che stride con l'europeismo e l'atlantismo di Letta.

Per questo, dice Matteo Orfini, la soluzione sarebbe il proporzionale: "Ognuno verrebbe votato per le proprie idee, senza essere costretto in coalizioni troppo eterogenee".Stessa opinione di Andrea Romano: "Ognuno potrebbe percorrere le proprie praterie identitarie, senza dover mettere in discussione le alleanzeà".

Ma, appunto, cambiare la legge elettorale è difficile senza il sì della Lega e al momento Salvini non dà segnali incoraggianti. E se tutto restaswse com'è - ammette Romano - "sarebbe complicato, il rischio è di arrivare alle elezioni con una polemica al giorno. Polemiche da parte loro, non nostra. Ha detto bene Letta: dobbiamo buttare acqua sul fuoco. Certo, Conte insiste, dice che il Pd lo ha trattato male come non ha mai fatto nemmeno la destraà Provocazioni che lasciano il tempo che trovano".

Orfini aggiunge: "Questo governo è faticoso per tutti e per noi è molto faticoso: siamo gli unici che si fanno carico di essere sempre punto di equilibrio, che cercano di trovare le soluzionià Dopodiché è l'unica strada possibile". Peraltro, sottolinea, "non penso che tirare sempre la corda sia un atteggiamento apprezzato dagli italiani in questa fase. E' giusto il ruolo che svolgiamo, anche se faticoso".

Anche per questo Letta chiede prudenza a tutti e vuole evitare di alimentare polemiche. Del resto, fa notare un dirigente Pd, "la linea M5s sulla guerra e sulle armi parla ad un elettorato che non è il nostro. Non temiamo la concorrenza di Conte. Tanto più che, a giudicare dai sondaggi, non sembra che M5s abbia recuperato molto grazie a tutti questi smarcamenti".

Al contrario, il Pd si contende con Fdi il ruolo di primo partito. "Sarà quella la sfida alle politiche - dice ancora il dirigente democratico - M5s perderà molto al nord, la Lega perderà al Sud. L'obittivo è evitare che vinca questa destra. E dopo le amministrative, se non cambia la legge elettorale, anche i moderati, da Calenda a Renzi, si convinceranno che bisogna fare un accordo".

Cesare Damiano non è entusiasta di un'alleanza larghissima, ma riconosce: "In una logica di schieramenti contrapposti vige anche il principio dell'alleanza più larga". Certo, aggiunge, "sappiamo che tanto è più larga l'alleanza, tanto maggiore è il contrastoà Io l'ho sperimentato da ministro nel 2006 al tempo dell'unione.Di solito alleanze molto accidentate non hanno vita lunga". Ma questo è un problema che si porrà dopo il voto. Allo stato, appunto, l'obiettivo è impedire che vinca la destra: per questo Letta insiste sui temi economici, sulle questioni sociali, chiede che il governo faccia cose ben visibili su questi fronti.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli