Pd: l'Ulivo 2.0 di Letta, dem motore coalizione e obiettivo vittoria 2023/Adnkronos (3)

·2 minuto per la lettura
Pd: l'Ulivo 2.0 di Letta, dem motore coalizione e obiettivo vittoria 2023/Adnkronos (3)
Pd: l'Ulivo 2.0 di Letta, dem motore coalizione e obiettivo vittoria 2023/Adnkronos (3)

(Adnkronos) – Sulla composizione della squadra, Letta ha fornito alcune indicazioni nel suo discorso di oggi. Intanto un nuovo incarico ad hoc che riflette la volontà di apertura del Pd che ha in mente il nuovo segretario: ci sarà un responsabile delle politiche di prossimità perchè "sui territori dobbiamo riaffermarci come il partito della prossimità, in tanti momenti ce lo siamo dimenticati e siamo diventati il partito delle Ztl. Il territorio deve essere in campo da gioco, in cui va sfidata la Lega".

Quindi i giovani. Un ricambio generazionale nei ruoli e nelle idee. "Ho vissuto con una nuova generazione, mi hanno insegnato tanto e parafrasando don Mazzolari mi sento di dire che questo non deve essere il partito che parla dei giovani ma che fa parlare i giovani, saranno al centro della mia azione a tutto campo e su tutti i temi". E ai giovani sono dedicati due progetti che Letta intende mettere in campo: l'Università democratica e le 'Agorà democratiche' aperte a tutti coloro che vorranno parteciparvi.

E poi le donne. Anche su questo passaggio – come quello sulle correnti – Letta è andato diretto: "Noi del Pd abbiamo un problema su questo tema, lo metterò al centro della mia azione". In questo senso le indiscrezioni su una vicesegretaria (Roberta Pinotti, Debora Serracchiani, Alessia Morani tra i nomi che circolano). Ma si parla anche dell'orlandiano Peppe Provenzano. Se la nuova segreteria dovrà essere unitaria, comunque, Letta dovrà 'ascoltare' le proposte di tutte le aree. Diversi comunque sono i lettiani della prima ora che potrebbero essere richiamati (Paola de Micheli, Francesco Boccia, Anna Ascani), ma sono due rimasti, anche in queste ore, sempre al fianco con il segretario: Alessia Mosca e soprattutto Marco Meloni. Di certo, Letta coinvolgerà qualcuno dei 'suoi' studenti pescati tra Scuola di Politiche e SciencePo. Intanto da domani parte il percorso di discussione nei circoli. "Le idee che ho esposto all’assemblea del Pd le posterò in una serie di tweet e soprattutto le discuteremo insieme nelle prossime 2 settimane. Domani pubblicheremo un vademecum su come farlo e poi ci rivedremo in Assemblea", scrive Letta su twitter che oggi ha lasciato intendere che nel Pd che immagina, il web dovrà avere uno spazio importante.