Pd-M5s, per la Commissione Ue gira il nome di Roberto Gualtieri

Angela Mauro

C’è il nome di Roberto Gualtieri sul tavolo delle trattative tra Pd e M5s per la formazione di un governo. L’eurodeputato Dem, presidente della Commissione per i problemi economici e monetari del Parlamento europeo, potrebbe andare a rappresentare l’Italia nella squadra di Ursula von der Leyen a Palazzo Berlaymont a Bruxelles. Insomma, a sorpresa, il commissario italiano sotto un governo Pd-M5s potrebbe essere del Pd, pur con un premier che potrebbe non essere del M5s ma piuttosto una figura terza, non interamente politica, ma condivisa dai due nuovi partner di esecutivo (Enrico Giovannini, Raffaele Cantone ma si esplorano anche altri nomi alla ricerca di una donna, mentre il Conte bis sembra tramontato, per ora, di fronte al no di Nicola Zingaretti).

Il punto politico è che, apprende Huffpost, il M5s non è interessato ad avere un suo rappresentante alla Commissione europea, sospettoso delle manovre di Matteo Renzi sotto il nuovo governo e preoccupato dell’opposizione di Matteo Salvini.

Questa scelta evidentemente getta un’ombra sul profilo europeista del Movimento cinquestelle, il nuovo volto che i pentastellati si sono dati da qualche mese, dopo aver messo da parte l’avventura con i jilet gialli e le ‘intemperanze’ di Alessandro Di Battista contro la Francia. Alle porte della nuova esperienza di governo con il Pd, un esecutivo che dovrebbe avere tratti filo-europeisti come chiede il segretario Dem Nicola Zingaretti, i cinquestelle non si sbilanciano del tutto nei confronti di Bruxelles. Del resto, l’attore - protagonista insieme ai ministri Giovanni Tria e Enzo Moavero Milanesi - per evitare la procedura sul debito prima dell’estate e anche alla fine dell’anno scorso è stato il premier dimissionario Giuseppe Conte e non il capo politico Luigi Di Maio.

Insomma, tendenzialmente il Movimento vuole tenersi le mani libere nel caso in cui ci sarà da attaccare Bruxelles in autunno su una manovra economica che non potrà essere generosa ma si...

Continua a leggere su HuffPost