Pd: Madia ai deputati, 'su capogruppo si è ripiombati in tradizionale gioco accordi'

·1 minuto per la lettura
default featured image 3 1200x900
default featured image 3 1200x900

Roma, 27 mar (Adnkronos) – "Care colleghe, cari colleghi, la verità rende liberi. E parlarci con chiarezza e trasparenza, senza bizantinismi, penso possa aiutare a riannodare il filo spezzato di una comunità democratica che è viva ed esigente con chi la rappresenta". Lo scrive Marianna Madia in una lettera inviata ai deputati dem sulla questione della scelta del prossimo capogruppo alla Camera.

"Penso valga la pena insistere e provarci fino in fondo a cambiare in meglio il nostro partito", spiega la deputata ripercorrendo la vicenda della sua candidatura con quella di Debora Serracchiani: "Con Graziano Delrio, che ho sempre considerato persona di valore, ci legano anni di lavoro comune prima al Governo e poi in questa legislatura così complicata. E’ stato proprio lui, dopo aver accettato l’invito del nuovo segretario a fare un passo indietro, a chiedermi di mettermi in gioco con la mia candidatura insieme a quella della mia amica stimata Debora Serracchiani", si legge nella lettera.

"Senonché quello che poteva essere un confronto sano tra persone che si stimano si è subito trasformato in altro. Immediatamente si è ripiombati nel tradizionale gioco di accordi trasversali più o meno espliciti con il capogruppo uscente, da arbitro di una competizione da lui proposta, che si è fatto attivo promotore di una delle due candidate, trasformando ai miei occhi il confronto libero e trasparente che aveva indetto in una cooptazione mascherata", denuncia Madia.