Pd: Madia, 'non è io contro Serracchiani, passaggio stretto ma politica è passione'

·1 minuto per la lettura
default featured image 3 1200x900
default featured image 3 1200x900

Roma, 30 mar. (Adnkronos) – "Avrei voluto dire queste cose guardandoci tutti negli occhi, in una discussione nel nostro Gruppo che ritenevo importante. Mi è stato detto che il regolamento non lo prevede e quindi per raccontarvi il mio punto di vista e rappresentare quelle che considero le nostre priorità posso solo scrivervi. Non è Madia contro Serracchiani. E’ il Partito democratico e come stiamo insieme in questo tempo complicato". Lo scrive Marianna Madia, candidata al ruolo di capogruppo alla Camera, alla vigilia delle votazioni che si terranno oggi pomeriggio, in una lettera ai colleghi.

"Si parla di democrazia e della nostra funzione sociale. E’ un passaggio stretto. E anche doloroso sul piano umano. Ma la politica -prosegue l'ex ministro della Pa- deve essere anche questo: partecipazione emotiva, passione. Non un algoritmo di convenienze. Vivo un senso forte di gratitudine e responsabilità per le colleghe e i colleghi che mi hanno sostenuta sin qui e anche per chi ha posizioni diverse ma di cui riconosco il senso profondo di appartenenza alla nostra esperienza collettiva".

"Lo dico a tutti, donne e uomini a cui sono legata da anni di lavoro comune, sapete che quel che dico in pubblico dico in privato. Con i dubbi e le fragilità di cui ognuno di noi ha diritto e persino dovere. Ma sempre e solo -assicura Madia- con l’obiettivo di provare a fare un passo in avanti collettivo e quando dico collettivo significa che per ogni scelta il tentativo deve essere la volontà di far andare avanti questo partito".