Pd: Maran, 'a Milano ha preso più voti di coalizione Bernardo'

·1 minuto per la lettura
default featured image 3 1200x900
default featured image 3 1200x900

Milano, 5 ott. (Adnkronos) – Pierfrancesco Maran non sa ancora se sarà assessore della nuova giunta Sala ("non ci siamo ancora parlati con Sala") e non vuole parlare del suo futuro, nonostante sia campione di preferenze a Milano, ma considera quella del Pd in città una vittoria che può rilanciare il partito a livello nazionale. Con il 33,86% dei voti è il primo partito, mentre la coalizione di centrodestra ha preso il 31%.

"Abbiamo vinto Milano con il miglior risultato da tempo, il Partito Democratico ha un punteggio altissimo e da solo ha preso più voti della coalizione di Bernardo. Non è un risultato da poco, si parla tanto di crisi dei partiti, qua c'è un Pd che è solido e che ha una struttura che può essere di grande aiuto anche per il rilancio del Pd a livello nazionale", dice il capolista ai cronisti a Palazzo Marino.

"Pensiamo che se le città vanno così, è anche il momento per dimostrare che anche la regione può cambiare. C'è un anno e mezzo per lavorarci e crediamo che sia una missione difficile ma per la prima volta possibile", aggiunge, tornando ai concetti già espressi ieri. In conferenza stampa, Sala sembra far capire che c'è per lui un ruolo diverso da quello di assessore. "Non ci siamo ancora parlati. Ci parleremo. Eravamo convinti di vincere, ci siamo concentrati su quello, quelli che pensano alla squadra prima delle elezioni non vincono. Oggi, domani se ne discuterà, troveremo una formula giusta, non vedo problemi. Vedo problemi quando perdi non quando vinci", conclude.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli