Pd: Marcucci, 'alleanza strutturale? Meno male che è uscita di scena…'

·1 minuto per la lettura
default featured image 3 1200x900
default featured image 3 1200x900

Roma, 1 lug. (Adnkronos) – “Le alleanze strutturali sono uscite di scena? Meno male! Era semplicemente sbagliato chiudere accordi a Roma che dovevano riguardare altre città, io l’ho detto per tempo. Le intese si basano sui programmi e si fanno sui territori. Gli accordi anche con i 5 Stelle, si fanno solo sulla base delle cose da fare insieme”. Lo dice il senatore Pd Andrea Marcucci in un’intervista ad Affari Italiani.

“Il Pd deve pensare a mettere ad un tavolo i suoi alleati naturali-prosegue- come Azione e Leu. Poi penso ai socialisti, agli ecologisti, ai liberal-democratici. Poi, quando il quadro sarà più chiaro, riprendere il dialogo anche con il M5S. Tutto questo si potrà fare se il Pd tornerà ad esercitare la sua naturale vocazione maggioritaria: siamo oggettivamente il partito più grande. L’importante è mettersi d’accordo su cosa, l’ho già detto prima, per me il punto sarà come continuare con l’Agenda Draghi la prossima legislatura”.

Il M5S? “Nel suo complesso ha fatto una evoluzione in questa legislatura, erano partiti sovranisti, giustizialisti ed antieuropei, oggi non lo sono più”, risponde Marcucci.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli