Pd: Moretti, 'multinazionali web devono risarcire donne vittime di odio social'

·1 minuto per la lettura
default featured image 3 1200x900
default featured image 3 1200x900

Roma, 26 mag (Adnkronos) – "C'è un gigantesco problema di odio verso le donne sui social e nel web, che purtroppo è anche peggiorato con la pandemia. Alcune frasi, le più violente e crudeli, sono rivolte solo alle donne in quanto tali. La battaglia di contrasto deve essere trasversale e post ideologica: ho ricevuto solidarietà da sinistra a destra per le minacce di essere sfregiata con l'acido". Lo ha detto l'eurodeputata del Pd Alessandra Moretti ad Aria che Tira.

"L'impegno contro chi istiga all'odio e alla violenza deve essere comune, di tutti, perché queste forme di violenza, non meno gravi di altre, devono sparire dal web. E non per la Moretti, che ha i mezzi per difendersi, ma per i ragazzi e le ragazze, per i fragili che rischiano di subire l'onda dell'odio senza più riuscire a rialzarsi -ha spiegato ancora-. La rete deve essere un territorio di libertà per tutti e per tutte e non bisogna farci sopra una guerra di posizionamento politico: mi rivolgo alle multinazionali dei social, a Facebook e compagnia, che devono fornire dati e identità di chi commette questi reati e se non collaborano, diventando così complici, dovranno pagare i danni alle donne che sono state vittime di violenza negli spazi da loro gestiti".

"La responsabilità è loro, qualora non siano attivi e reattivi nell'identificare e rimuovere gli haters. Ci vuole il cartellino rosso per gli odiatori del web", ha concluso la Moretti.