Pd: Nannicini, 'questione femminile è questione democratica, risolviamola con congresso'

·1 minuto per la lettura
Pd: Nannicini, 'questione femminile è questione democratica, risolviamola con congresso'
Pd: Nannicini, 'questione femminile è questione democratica, risolviamola con congresso'

Roma, 16 feb. (Adnkronos) – "Ora si parla di una 'questione femminile'. Va bene, d’accordo. Ma in verità quella scelta, sbagliata e staccata dalla realtà, è il sintomo di una 'questione democratica': di come il Pd vive la selezione politica e la sua funzione di partito nazionale”. Lo scrive sul suo blog il senatore Pd Tommaso Nannicini.

“Non è quindi una questione femminile- continua- ma una questione democratica. E non sono solo le donne a pagarne il prezzo. Chi si ribella a quella logica, a Roma o nei territori, paga un prezzo salato. Non si contano le energie, la voglia di fare politica e le competenze che ci siamo persi per strada perché hanno sbattuto la testa contro il muro di gomma di un Pd chiuso e oligarchico. Ci sono interi territori abbandonati dal nostro partito, con commissari e dirigenti che nessuno vede e che garantiscono soltanto il patto oligarchico tra gruppi dirigenti, tenendo lontane le energie che si muovono nella società".

"Nel 2018, tanti elettori hanno votato 5 Stelle non perché non vedevano l’ora di mettersi in fila per il reddito di cittadinanza, ma perché non ne potevano più di stare in fila nel rapporto clientelare con una politica che spesso era anche la nostra. Quei metodi sono ancora tra noi, nonostante Renzi avesse promesso di 'rottamarli' e Zingaretti di 'superarli'. Nessuno dei due ce l’ha fatta. Forse, perché non può essere un leader a farlo. Serve uno sforzo collettivo, coerente, diffuso, plurale. Serve una discussione su come rifondare il modo in cui facciamo politica. Non vogliamo chiamarlo congresso? Chiamiamolo big bang. Ma facciamolo presto”.