Pd: Nardella, 'dem guidino fronte anti sovranista, da Speranza a Di Maio e Carfagna'

·2 minuto per la lettura
default featured image 3 1200x900
default featured image 3 1200x900

Roma, 2 set. (Adnkronos) – "Esiste ormai un bipolarismo che rappresenta un'evoluzione della tradizionale dicotomia tra sinistra e destra, tra socialdemocratici e conservatori. Su temi come l'europa, il lavoro, i diritti civili, ho sentito una forte convergenza ". Lo dice a Il Foglio il sindaco di Firenze, Dario Nardella, che martedì, in occasione della locale festa dell'unità, ha ospitato in un dibattito Roberto Speranza, Mara Carfagna e Luigi Di Maio, per delineare i confini di questa nuova prospettiva progressista.

"Fino ad ora, l'errore è stato concepire le alleanze come formule tattiche, da confezionare a ridosso delle elezioni. Credo però che oggi ci sia un'accelerazione vera, dettata da due grandi temi. Il primo è la pandemia, a cui si lega il rilancio economico. E l'altro è la crisi internazionale, di cui l'Afghanistan è solo l'ultimo dei capitoli. Questi due fatti stanno accentuando la polarizzazione tra sovranisti ed europeisti".

Di qui, insomma, l'esigenza non più rimandabile di costruire il nuovo orizzonte in cui i dem, nel ragionamento del sindaco, devono svolgere un ruolo centrale: "Un Pd che vada oltre se stesso, che ambisca a riunire tutti gli europeisti, senza subalternità e arroganza". Ed è il segretario Letta la persona giusta per questo compito? "Ha l'esperienza e la sensibilità. E per essere più forte dovrebbe avvalersi della grande energia che viene dai territori, la qualità di una classe dirigente locale che ha consenso, competenza e legittimità politica". Sui M5S osserva: "Abbiamo fatto continuamente l'errore di percepire quella con il M5s come un'alleanza esaustiva. E' stata una fusione a freddo, non sui contenuti. E invece il Pd deve sfidare i grillini sui temi, dalle infrastrutture all'economia. Zingaretti? "Non era un segretario isolato, c'era un gruppo dirigente che ha sopravvalutato la forza di un'intesa che non si basava su un reale confronto. Letta può fare ora un passo avanti, superando quegli errori".

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli