Pd: niente 'big', delegati e Circoli star della 'prima' Assemblea di Letta/Adnkronos (2)

·1 minuto per la lettura
default featured image 3 1200x900
default featured image 3 1200x900

(Adnkronos) – (Adnkronos) – C'è chi ha citato Brunori, chi ha invitato a prendere ispirazione dalla linea del Circolo di Biella e chi, come il piemontese Raffaele Truddu si è chiesto: "Perchè dobbiamo usare il cacciavite e non la falce e il martello? Perchè dobbiamo usare tutti gli strumenti". Anche gli Odg hanno animato la discussione. Come quello sulla legalizzazione, sul quale è dovuto intervenire lo stesso Letta: "Non si chieda di decidere su questo, ma di aprire una discussione per decidere".

Nessuno si è lasciato sfuggire l'occasione di dire la sua. Alcuni lo hanno fatto in modo particolarmente esplicito. Come Giovanni Crisanti, 21 anni, il più giovane delegato all'Assemblea. Ha lanciato un appello accorato: "Le ferite che si stanno aprendo sulle nuove generazioni sono materiali. Noi dimentichiamo di ragazzi che passano giornate intere in una stanza mentre i genitori nella stanza accanto lavorano o magari litigano. I dati dicono che i suicidi sono aumentati del 7% da inizio pandemia", ha detto.

Crisanti ha chiesto una presa di posizione del Pd, e anche di imitare Macron: "Garantire a tutti 10 sedute da uno psicoterapeuta gratis". Ma l'intervento più applaudito (virtualmente) è stato quello di Nella Converti, della sezione Alan Curdi di Tor Bella Monaca: "La nostra comunità nelle periferie c'è sempre stata e quando sente che il Pd è il partito della Ztl s'incazza, quando sente 'torniamo nelle periferie' risponde: 'Benvenuti, noi qua ci siamo'", ha esordito con grinta. Alla fine è lo stesso segretario ad applaudire, soddisfatto, ai 'suoi' delegati: "Ho preso nota su tutto quello che ha detto ognuno di voi", ha assicurato.