Pd: Oddati, 'Letta figura autorevole, se segretario certo non di transizione'

·2 minuto per la lettura
Pd: Oddati, 'Letta figura autorevole, se segretario certo non di transizione'
Pd: Oddati, 'Letta figura autorevole, se segretario certo non di transizione'

Roma, 11 mar (Adnkronos) – “La maggioranza congressuale che ha eletto Zingaretti pensa che Letta sia la figura più autorevole per guidare il Pd. Una candidatura di grande valore, anche per coloro che due anni fa non sostennero Zingaretti. Deve essere quindi una candidatura e di conseguenza un segretario che ci porti fino alla scadenza naturale prevista dalle primarie. Una guida così autorevole non può essere un segretario di transizione". Lo dice Nicola Oddati, coordinatore della segreteria del Pd, ai microfoni di Radio Immagina, la web radio del Pd.

"Di sicuro poi, dopo le amministrative sarà necessario un congresso vero, tematico. Potrà essere una discussione sui temi al centro del nostro dibattito di questi mesi: ossia come realizzare una vocazione maggioritaria e tenerla insieme con un sistema di alleanze che in questo Paese è un sistema indispensabile per essere alternativa vincente e credibile alla destra. Come sostanziare concretamente il nostro riformismo -prosegue-. Questa credo sia una discussione giusta da fare. Nei due anni precedenti ci si è confrontati in maniera chiara. E’ evidente che c’è bisogno di una discussione di questo genere. E’ evidente che una figura quale quella di Letta ci aiuterebbe anche in questo senso. Se non fosse Letta potremmo pensare a fare un congresso prima. Ma sono e voglio essere ottimista".

"Le dimissioni di Zingaretti, ma in generale come ha guidato in questi due anni il Partito, sono state un esempio di stile politico e una lezione umana importante. Il Pd è partito da una situazione disarmante, dalla sconfitta del 2018 abbiamo vissuto questi due anni sempre sul filo del rasoio, il pericolo del baratro -dice ancora Oddati-. Dalle Europee alle regionali con ottimi risultati abbiamo rimesso il Pd al centro dell’azione politica. Ora siamo in una fase nuova con la nascita del Governo Draghi con nuovi scenari. Un governo eterogeneo che sosterremo con forza, con le nostre idee ma difendendo la e valorizzando la nostra identità”.