Pd: Orlando, 'sì a correnti ma si riapproprino di funzione di formazione politica'

·1 minuto per la lettura
default featured image 3 1200x900
default featured image 3 1200x900

Roma, 14 apr. (Adnkronos) – "Sono contento che Goffredo abbia fondato la sua corrente. Sono convinto che il Pd abbia bisogno di correnti. Lo dico in modo provocatorio ma fino a un certo punto. Il problema è se esistono le correnti e non esiste il partito. A quel punto il partito diventa una federazione di correnti". Lo dice Andrea Orlando alla presentazione delle Agorà di Goffredo Bettini.

"Ma -aggiunge- se c'è un partito che si riappropria delle funzioni delle formazione politica e della creazione della classe dirigenti, alle correnti spetta una ruolo funzionale. Se non lo fa assistiamo all'esternalizzazione di questi processi alle correnti. Io sono per l'internalizzazione. Certo c'è un problema di finanziamenti".