Pd: Parietti, 'donne capigruppo? è un bene, noi abituate a essere 'une e trine''

·1 minuto per la lettura
default featured image 3 1200x900
default featured image 3 1200x900

Roma, 22 mar. (Adnkronos) – “Senza togliere nulla a Marcucci e Delrio, che peraltro nemmeno conosco, penso che dare alle donne ruoli importanti e decisionali sia un bene. Ogni volta che ho visto donne in posti chiave, dalla giustizia alla politica, ho notato sempre un impegno tre volte maggiore di quello di un uomo: siamo abituate a essere ‘une e trine’”. Questo il commento di Alba Parietti all’Adnkronos sulla decisione del segretario del Pd Enrico Letta di sostituire i capigruppo alla Camera e al Senato con due donne. "Senza nulla di personale contro Marcucci e Delrio e senza entrare nel merito tecnico della scelta – precisa la Parietti – e soprattutto senza parlare di ‘quote rosa’, che è una definizione orrenda, è giusto che ci siano più donne di valore nei ruoli importanti all’interno del Partito Democratico”.

“Nella politica ci sono sempre più donne – prosegue la Parietti – non solo in Europa, ma a livello mondiale, si pensi soltanto alla vice presidente Usa Kamala Harris, là dove si prendono decisioni che contano, dimostrano di avere una capacità di giudizio più lucido, meno condizionato dall’esterno, sono più umane e meno corruttibili. Le donne sono in grado di affrontare il dolore a testa alta e sono capaci di stare al comando. La scelta di Letta è un segnale di innovazione e ne sono felice. Mi auguro – conclude – che dia il là a una parità vera, che insegni anche agli uomini a rispettarle e a non metterle in discussione”.