**Pd: per Letta sostegno unitario, ma tra anime dem resta tensione** (2)

·1 minuto per la lettura
**Pd: per Letta sostegno unitario, ma tra anime dem resta tensione** (2)
**Pd: per Letta sostegno unitario, ma tra anime dem resta tensione** (2)

(Adnkronos) – Ma al sostegno unitario che si profila su Letta segretario non corrisponde un clima altrettanto pacificato tra le componenti dem. Le tensioni continuano in una girandola di riunioni, di qui all'assemblea, delle varie aree Pd. Gli zingarettiani hanno fatto già un primo punto oggi con i territori, con il coordinamento di Nicola Oddati, insieme ai delegati in assemblea in vista dell'appuntamento di domenica. Nell'incontro, a quanto si apprende, c'è stata una valutazione positiva unanime sulla possibilità di Letta segretario.

Allo stesso tempo è stata sottolineata l'esigenza di perseguire quella rigenerazione del Pd che era già nelle intenzioni dell'ex-segretario. Le motivazioni politiche che hanno portato alle dimissioni di Zingaretti vanno discusse e affrontate. "L'esigenza – si spiega all'Adnkronos- è dar seguito all'aspettativa di quel milione e duecento mila persone che votò la mozione 'Piazza Grande' che credeva in un partito aperto, nuovo e plurale, rivolto alle persone, e di spingere anche la nuova segreteria in quella direzione".

Non proprio quello che si aspetta Base Riformista. L'area Lotti-Guerini darà l'appoggio a Letta che, si spiega, è il miglior interprete della nuova fase che si è aperta con il governo Draghi e che Br sostiene sin dall'inizio con convinzione. Una fase diversa, insomma, da quella del Conte 2 e di tutto quel che ne consegue. Resta la richiesta del congresso con la convinzione che comunque "saranno i processi politici che porteranno a un congresso prima del 2023", dice un big dell'area. Base Riformista farà il punto domani pomeriggio, dopo che Letta avrà sciolto la riserva. E fonti dell'area sottolineano: "Non inseguiamo le ansie di accreditamento che vediamo da più parti e i tentativi di strumentalizzare la candidatura".